02.26. Per potersi accreditare come ente formatore la società deve nominare un revisore legale dei conti, quindi con comunicazione da farsi alla competente Camera di Commercio e con il conseguente obbligo di allegare la relazione di revisione al bilancio (oltre ai controlli periodici) oppure è sufficiente una certificazione/attestazione del bilancio da inviare esclusivamente alla Regione?

pubblicato 13 apr 2021, 02:55 da Giordana Di lorenzo   [ aggiornato il 13 apr 2021, 03:19 da Antonio Aggio ]
Il vigente modello di accreditamento (All. A alla DGR n.2120/2015 punto 2.1) prevede che “ciascun ente dovrà predisporre il bilancio accompagnato, ai sensi del D.lgs. n. 39/2010, da una Relazione di revisione da parte di un revisore legale o di una società di revisione, iscritti al registro dei revisori legali.” L’ente, pertanto, deve adottare questa procedura ed avere la relazione di revisione agli atti (che potrà essere oggetto di controllo puntuale). 
Al fine di dare evidenza di aver soddisfatto quanto richiesto in “AREA231 Contabilità e Bilancio” non si richiede la Relazione citata, ma l’OdF carica i dati in Area 231, estrapola il documento “Documento di certificazione del bilancio generato sulla base dei dati caricati” e lo fa sottoscrivere al Legale Rappresentante ed al Revisore con timbro, firma autografa e firma elettronica in formato .p7m di entrambi